Gare di progettazione: in vigore il Decreto Parametri bis

GEOCORSI E-learning

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 298 del 20 dicembre 2013 il Decreto del Ministero della Giustizia 31 ottobre 2013, n. 143: “Regolamento recante determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all’architettura ed all’ingegneria”.

 

Il decreto entra in vigore il 21/12/2013 e da tale data tutte le gare relative all’affidamento di servizi tecnici dovranno riportare importi a base d’asta predeterminati con l’applicazione dei parametri individuati.

 

Per quanto riguarda la figura del Geologo, chiarisce in una nota il Consiglio Nazionale dei Geologi, si possono evidenziare dei passaggi di particolare interesse:

  • La omogeneità dei criteri per la definizione dell’importo a base d’asta dei servizi tecnici, compresi quelli di geologia, risolve in via definitiva le incertezze e le ambiguità determinate in passato dall’applicazione di norme tariffarie differenti e di difficile applicazione congiunta;
  • L’inserimento, e dunque la possibilità di determinare i corrispettivi, per categorie di prestazioni nuove(come ad esempio quelle in campo ambientale) che l’evoluzione della normativa tecnica di settore aveva riconosciuto negli anni tra le competenze, quantomeno concorrenti con altre professioni tecniche, agli stessi geologi, ma che il vecchio tariffario (DM 18/11/71) non prendeva in considerazione;
  • La riconduzione a criteri omogenei ed uniformi e la valorizzazione delle prestazioni del geologo nel campo della pianificazione urbanistica e delle pianificazioni geoambientali e di difesa del suolo generali, con determinazione dei compensi legati ora, così come per i progettisti del piano, al numero di abitanti (Tav. Z-2 - Prestazione Qa.0.02 – Rilievi e controlli del terreno, analisi geoambientali di risorse e rischi, studi di geologia applicati ai piani urbanistici generali, ambientali e di difesa del suolo);
  • La riconduzione a criteri omogenei ed uniformi e la valorizzazione delle prestazioni del geologo nel campo della pianificazione urbanistica e delle pianificazioni geoambientali e di difesa del suolo particolareggiate, con determinazione dei compensi legati ora, così come per i progettisti del piano, al valore V dell’opera (Tav. Z-2 - Prestazione Qa.0.07 – Rilievi e controlli del terreno, analisi geoambientali di risorse e rischi, studi di geologia applicati ai piani urbanistici esecutivi, ambientali e di difesa del suolo);
  • La risoluzione delle ambiguità determinate dal DM 18/11/71 in relazione alle funzioni del geologo in fase di esecuzione delle opere con la individuazione di una specifica categoria di prestazioni (Tav. Z-2 - Prestazione QcI.05.01 – Ufficio della direzione lavori, per ogni addetto con qualifica di direttore operativo “GEOLOGO” (art.149, d.P.R. 207/2010).

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: