VIA, l'analisi del decreto n. 401 da oggi all'esame della Commissione Ambiente della Camera

GEOCORSI E-learning

Di seguito riportiamo il documento di analisi del decreto concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, da oggi all'esame della VIII Commissione (AMBIENTE, TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI).

Attuazione della direttiva 2014/52/UE che modifica la direttiva 2011/92/UE concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati - Atto del Governo 401

Lo scopo principale delle modifiche recate dalla direttiva 2014/52/UE è rafforzare la qualità della procedura di impatto ambientale, allineare tale procedura ai principi della regolamentazione intelligente (smart regulation) e rafforzare la coerenza e le sinergie con altre normative e politiche dell' Unione, come anche con le strategie e le politiche definite dagli Stati membri in settori di competenza statale.

Le principali novità riguardano:

  • la possibilità di fissare soglie o criteri per stabilire in quali casi non è necessario che i progetti siano oggetto di una valutazione di impatto ambientale;
  • l'obbligo per il committente di fornire informazioni sulle caratteristiche del progetto e sui suoi probabili effetti negativi significativi sull'ambiente, tenendo conto dei risultati disponibili di altre valutazioni effettuate in base a normative europee diverse dalla direttiva 2014/52/UE;
  • la separazione funzionale tra autorità competente e committente, per evitare i conflitti d'interesse;
  • le sanzioni che devono essere effettive, proporzionate e dissuasive;
  • le informazioni ambientali che devono essere tempestive e disponibili anche in formato elettronico.
Ultimo aggiornamento: