Prove di pompaggio su acquiferi, considerazioni e applicazioni

GEOCORSI E-learning

La valutazione delle risorse idriche sotterranee, costituisce sempre più di frequente una fase importante per studiare le numerose interazioni tra uomo ed ambiente.
Sotto questo semplice termine si inseriscono una serie di procedure ed indagini di campagna che insieme hanno lo scopo di ricostruire un modello semplificato della struttura geologica ed idrogeologica locale.

Per arrivare alla stesura di un modello concettuale semplice ma altrettanto valido, si deve passare attraverso una serie di fasi investigative via via più complesse ed economicamente onerose. 
La parte che riguarda le prove di campagna, come le prove di portata e sugli acquiferi, è una di queste. Lo scopo delle prove è quello di ottenere dei valori attendibili di due parametri idrogeologici fondamentali: trasmissività ed immagazzinamento. Queste due grandezze devono risultare valide per un certo volume di acquifero commisurato agli scopi del progetto e permettono di:
  • Calcolare la portata massima estraibile da un acquifero;
  • Valutare gli abbassamenti piezometrici provocati a varie distanze e dopo un certo tempo;
  • Valutare l'evoluzione dei percorsi ed entità dei fenomeni di inquinamento;
  • Evidenziare possibilità di mescolamento tra acquiferi diversi.
Oltre a questo, le prove forniscono indicazioni sulla corretta esecuzione degli stessi pozzi utilizzati per i prelievi, risolvendo in maniera chiara eventuali contenziosi tra Ditta di perforazione e Committente.
Le prove su acquifero consistono semplicemente nell'estrarre acqua da un pozzo opportunamente eseguito, e nel misurare le variazioni di livello piezometrico provocate ad una certa distanza. Tali variazioni di livello sono registrate con misure, sia nel pozzo di prova, sia in vari piezometri o pozzi di osservazione, perforati nell'area circostante, entro il raggio di qualche metro o decina di metri.

Nonostante la teoria che sta alla base dell'elaborazione dei dati, risalga alla legge di Darcy (1856) ed a Theis (1935), questi metodi di studio sono ancora poco applicati. La ragione di questo è forse nella relativa complessità delle stesse, che richiede l'installazione di un cantiere di perforazione, di più sondaggi, di tempi di attesa per l'esecuzione ed elaborazione dei risultati e di costi esecutivi, che comunque in molti casi, sono inferiori al 5% del totale degli interventi. La loro utilità insostituibile si rivela però nella gestione degli acquiferi nel lungo periodo, in presenza di attività industriale/mineraria od intensa antropizzazione su piccole o larghe estensioni di territorio. 
 
Misurazioni nelle prove di pompaggio
Acquisizione dati durante una prova di pompaggio, tramite:
- sensori di pressionein continuo
- freatimetro
- conducimetro e termometro
- misuratore di portata
- controlli manuali
 
Drenaggio della falda tramite pozzi
Progettazione di un intervento per abbassare la falda tramite pozzi di drenaggio. La geometria dei pozzi ed i valori portata sono stati ricavati dopo esecuzione di prove su acquifero. Nell'area delimitata in rosso l'abbassamento provocato è di 60 cm sotto il piano di fondazione.
 
 

Hai trovato questo articolo interessante?

Continua a seguirci sulle nostre pagine social, basta un click!

Segui Geocorsi su Facebook  Segui GEOCORSI su Twitter  Segui GEOCORSI su Linkedin  Segui GEOCORSI su Google+

Oppure condividilo tramite i pulsanti qui in basso.

 
© Riproduzione riservata
Ultimo aggiornamento: