Il modello di Winkler: aspetti applicativi nella progettazione geotecnica.

Il corso illustra alcuni metodi impiegati nella definizione del coefficiente di reazione elastica del terreno, o modulo di Winkler, nel progetto di fondazioni superficiali, fondazioni profonde e opere di contenimento. Il metodo di Winkler, quantunque criticato e afflitto da limitazioni, è attualmente di ampio utilizzo nella routine quotidiana della progettazione strutturale.
Vengono illustrati metodi classici e più recenti, con esempi didattici ed esempi di casi reali, in condizioni statiche e dinamiche, anche alla luce di normative internazionali quali la ASCE/SEI 7-10 e la UNI EN 1997-1 o Eurocodice 7.
metodo_di_winkler

Codice corso: GC17

Geologi: 8 Crediti APCATTIVO
Ingegneri: 8 Crediti CFPATTIVO

Durata: 8 ore complessive

€ 72,00

IVA esente ai sensi dell'art. 10 c. 20 DPR 633/72

DOCENTE: Geol. Luca Nori

Geologo professionista, ha lavorato nel campo petrolifero, nel campo delle costruzioni, ed attualmente nella pubblica amministrazione e come libero professionista. Si è interessato all'applicazione della teoria dell'affidabilità nel campo dell'ingegneria civile e dei recenti sviluppi della normativa per le costruzioni. Ha redatto articoli e note tecniche specifiche sulla nuova normativa ed ha tenuto molteplici corsi su EC7 e NTC2008. Si occupa attivamente di divulgazione nella pratica geologica professionale ed è moderatore nel forum di geologi.it.

PROGRAMMA:

PARTE PRIMA
  • Unità di misura
  • Il modello di terreno alla Winkler: caratteristiche e limiti
    • Critiche al modello
  • Utilizzo del modello di Winkler per lo studio dell'interazione suolo-terreno nella pratica professionale; procedure pratiche secondo
    • Un semplice esempio preliminare
    • Determinazione del modulo di Winkler con prove di carico
    • Determinazione del modulo di Winkler verticale con correlazioni
    • L'importante e dibattuto aspetto della zona attiva o zona di influenza per i cedimenti (profondità attiva, profondità di influenza H)
    • Esempio 1: analisi comparativa dei vari metodi in un caso reale (fondazione continua)
    • Esempio 2: analisi comparativa dei vari metodi in un caso reale (plinto 3•3m2 di Briaud e Gibbens)
    • Platea di fondazione e il problema dell'interazione tra le molle
    • Esempio 3: caso reale, determinazione di k in una fondazione a platea
  • Presentazione dei dati
PARTE SECONDA
  • Rigidezza della molla e modulo di Winkler nelle fondazioni superficiali; il metodo delle impedenze statiche; rigidezza verticale, laterale, oscillatoria e torsionale
    • Funzioni di impedenza statica e impedenza dinamica
  • Modi di impedenza statica o moduli di reazione traslativi e rotativi
    • Esempio 4: modi di impedenza statica
    • Esempio 5: kv, kx e ky in plinto rettangolare (fondazione di ponte)
  • Modelli alla Winkler utilizzati nelle fondazioni profonde
    • Trattazione semplificata
    • Rigidezza
    • Esempio 6
  • Molle per paratie e diaframmi
  • Reazione del terreno in condizioni dinamiche
    • Esempio 7
  • Il modello di Winkler nella normativa internazionale ed europea, con estensioni alla normativa italiana ed al concetto dei valori caratteristici
    • La normativa europea: UNI EN 1997-1 e UNI EN 1998-5 (Eurocodici 7 e 8)
    • La normativa internazionale: ASCE-SEI 7/10 e NIST GCR 12-917-12
    • La normativa italiana